24 ore non stop di lezione contro la 133

24 lezioni scientifiche aperte a tutti, contro l’applicazione della legge 133/08.

Dalle 8:30 di lunedì 27 Ottobre alle 8:30 di martedì 28 Ottobre
Dipartimento di Matematica “Ulisse Dini” (Viale Morgagni 67/a)

Sono morto, ma ho un solo commento: veramente bello.

Arrivare verso mezzanotte e sentire 3 studenti dei primi anni di varie facoltà ripensare ai punti salienti dell’intervento del Prof. Gentili – “Che cos’è la Congettura di Poincarè”.

Arrivare con l’intenzione di restare una massimo due ore e poi farsi prendere dalla sete della conoscenza, dalla passione dei professori e dei ricercatori, dal clima di Università che davvero esiste per e grazie agli studenti.

Arrivare e scoprire che la “Geometria tropicale” per quanto assurda ha interessanti applicazioni, sorridere osservando l’evoluzione anche con l’occhio dei creazionisti, scoprire come mai un pianoforte accordato è… accordato, cercare nei secoli alla ricerca dei numeri primi e ricordare che 200 anni di matematica “inutile” oggi sono la sicurezza delle transazioni elettroniche, guardare schifati poveri maiali morti mangiati dagli insetti speriamo per beccare un assassino, leggere le statistiche con quattro occhi – guardare i numeri come domande e non risposte, vedere quanto l’intuito sia confuso nella fisica, toccare con mano che determinismo non implica sempre capacità previsione.

Sentire la scienza viva, percepire lo spirito di chi guarda sempre oltre, sempre dietro l’angolo, sempre sotto il tappeto, con un solo fine, raccontarlo agli altri perché possano andare ancora avanti.

Solo 8 ore, otto ore su 24 che hanno veramente riacceso la mia speranza per un futuro migliore in Italia.

Anatomia di WebSella, cose mai viste

Da qualche tempo sono stato costretto dalla Vita a munirmi di conto in banca, il grande fratello sfracassa sempre più i maroni ai comuni cittadini con codici fiscali, assegni non trasferibili e menate varie che per il quieto vivere si è costretti ad essere tracciabili…

Messe da parte le questioni sociali, passiamo a quelle tecniche.

Tra le varie offerte a suo tempo scelsi di aprire un conto con WebSella, banca storica, conto solo online, cavolo sarà fatto decentemente?

Invece no!

Primo problema, dopo alcune settimane non riesco più a fare il login! Con questo errore:

Continua a leggere

Ignavi o solo opportunisti?

Trattato Lisbona ratificato all’unanimità
Con il voto di Montecitorio si è concluso l’iter. Soddisfazione del presidente della Repubblica Napolitano: “L’unanimità titolo d’onore per il Parlamento italiano”

Come mi puzza questa unanimità, quando per le cose serie non hanno il coraggio di prendere posizione…

Eluana, la procura di Milano blocca ogni decisione
La procura generale del capoluogo fa ricorso in Cassazione e chiede di sospendere il “via libera” della Corte d’Appello di Milano. La Camera vota sì al conflitto di attribuzione sulla sentenza. Votano a favore Pdl, Lega e Udc; Idv contrario, il Pd non prende parte alla votazione.

Vecchi alla fame

Vecchi alla fame (tranne uno)

Verranno tagliate le pensioni sociali a tutti coloro che hanno più di 65 anni e con meno di 10 anni di contributi. Casalinghe, disoccupati, immigrati rientrati in Italia per la vecchiaia, frati e suore. Questa massa di nullafacenti percepisce ogni mese 395,54 euro. Dall’anno prossimo potranno passare i pomeriggi a frugare nei cestini o raccogliere gli scarti dei mercati rionali.
Tremonti è più avanti del ministro dell’economia argentino Cavallo. In Argentina prima del fallimento dello Stato furono ridotte le pensioni del 30%. Tremonti le taglia del 100%. Lo psiconano risparmierà ogni anno circa 300 milioni di euro (300.648.400).
I vecchi possono morire di fame. Intanto ci sono i 300 milioni regalati all’Alitalia, i 329 milioni di multa della Comunità Europea per Rete 4 abusiva (ad oggi), il miliardo di euro all’anno per l’editoria assistita per pagare gli stipendi a Scalfari, Mieli, Belpietro, Ferrara, Polito, Padellaro, Feltri, le pensioni ai parlamentari dopo due anni e mezzo. Quando lo Stato chiama i vecchi possono schiattare. Dicono che la legge sia stata fatta per 23.113 immigrati che vivono in Italia. Il 2,6% delle pensioni sociali. E che per non passare da razzisti non si è voluto fare prigionieri.

Se è vero, anche se non si dovrebbe, spero tutti quelli che hanno votato gli pigli un xxxyyyzzz.

Sostituisci ad xxxyyyzzz la peggior cosa che non augureresti mai neanche al tuo peggior nemico. Perché molto probabilmente lui non è stato eletto, né prende uno stipendio da capogiro per prendere in giro la gente.