Zopa non piace a Banca d’Italia

Oggi ho ricevuto questa comunicazione:

in data 10 luglio 2009 è stato notificato a Zopa il decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze che, su indicazione di Banca d’Italia, ha cancellato dall’elenco degli intermediari finanziari ex art. 106 la nostra società. Come conseguenza immediata ci vediamo costretti a sospendere la trattazione di nuovi prestiti e l’ingresso di nuovi Prestatori. La società sta valutando tutte le iniziative, anche di natura giurisdizionale, per tutelare la propria posizione e la community. [Lettera aperta agli Zopiani]

E’ bello quanto preavviso sia dato dallo Stato ad una società che gestisce gli interessi di migliaia di persone! Tipico dello Stato dell’incertezza e delle leggi retroattive che è l’Italia. Sembra quasi la politica viva in un altro tempo, dove cambiare una legge non ha un costo sociale.

Bella poi l’indicazione della Banca d’Italia, il garante degli interessi dei concorrenti di un sistema p2p come Zopa che ne decreta la fine. Puzza di marcio.

Anatomia di WebSella, cose mai viste

Da qualche tempo sono stato costretto dalla Vita a munirmi di conto in banca, il grande fratello sfracassa sempre più i maroni ai comuni cittadini con codici fiscali, assegni non trasferibili e menate varie che per il quieto vivere si è costretti ad essere tracciabili…

Messe da parte le questioni sociali, passiamo a quelle tecniche.

Tra le varie offerte a suo tempo scelsi di aprire un conto con WebSella, banca storica, conto solo online, cavolo sarà fatto decentemente?

Invece no!

Primo problema, dopo alcune settimane non riesco più a fare il login! Con questo errore:

Continua a leggere